ISBN 978-88-98243-86-0 € 10,00

 

 

 

 Charlie

 

Gino Giacomo Viti, giovane poeta dei castelli romani, è alla sua seconda pubblicazione poetica; anche se, a sua detta, intende questo libro come il suo esordio assoluto. Ed è un esordio dall’effetto estremo: un canto, tanto al­la vita quanto all’assenza, che prende nome e forma di Charlie, un fantasma che è forse l’anima stessa del poeta, che qui si fa specchio irriflesso e insondabile, risonanza di un io altro, sedimentato fin dalla nascita e oltre la morte. Un lavoro dalla struttura poematica e dai forti connotati lirici, pur es­sendo dialogico, e pregno di un intercalare tra gli spazi metrici e l’abbandono, quasi fosse liturgia d’addio e di testimonianza la poesia, che da un lato si canta mentre dall’altro prende forma come preghiera o celebrazione di rito. Ma non soltanto rito inteso come solennità promessa al vacuo o prolungata litania silenziosa; ma una sorta di esorcismo teso a risanare il male, il ritorno in superficie della vita che è consumazione e frantumi. Ed è da questi frantumi che il poeta risale la china dell’anima, e da quell’altitudine lui vede tutto piano il desiderio di sapere, tutto in bilico tra la notte e il rinno­varsi del giorno che verrà dopo; ed è con questi lumi­nosi frantumi e da quei luoghi alti (e altri) che Gino Giacomo Viti ci regala momenti di vertigine amica e di vera e assoluta poesia.

 

 

Antonio Bux

Gino Giacomo Viti, classe 1996, vive a Genzano di Roma. Studia Filosofia presso l’Univer­sità degli Studi di Roma “La Sa­pienza”. Suoi testi sono apparsi su alcune riviste (fra le quali “Atelier”, “Poetarum Silva”,“La Foce e la Sorgente”). La pre­sente opera è stata selezionata fra le finaliste del “Premio Città di Como 2018”, nella Sezione Poesia Inedita.

Questo sito utilizza cookie. Continuando a navigare accetti implicitamente l'uso che facciamo dei cookie. Privacy Policy

 

© 2012 by MARCOSAYAEDIZIONI. All rights reserved.

Partita IVA 07705390966