ISBN 978-88-98243-86-0 € 10,00

 

 

 

 Charlie

 

Gabriele Galloni (Roma, 1995) è uno tra gli autori emergenti più saldi della nuova generazione. Dopo la sua convincente “trilogia” d’esordio (composta dai libri Slittamenti, In che luce cadranno e Creatura Breve), dove con un tono crepuscolare il verso scarno alternava momenti di lucido delirio ad altrettanti di ordine e rigore creativo, offre ora al lettore questo suo nuovo lavoro, L’estate del mondo, che appare subito come l’opera più matura dell’autore romano, proprio per la felice fusione tra ele­gia e canto piano. E così il poemetto diventa racconto di un amore indefinibile e infinito, e la caducità del tempo e della vita sono il simbolo, assieme all’estate – qui intesa come l’assoluta vanitas del tutto – di un mon­do a volte soltanto sognato, appena tangibile eppure inesauribile. E non c’è più solamente quell’apparente distacco e freddezza, o l’ostinata ironia, nella nuova poesia di Galloni; ma anche fatalità, destino, fratellanza. Perché la poesia ten­de la mano, muove le nuvole, così come l’amore lonta­no e imperscrutabile di una storia che pare già scritta da secoli, eppure ancora in corso d’opera. Per questo credo che l’opera in Galloni sia la freccia di una speranza: la speranza di sapere che l’estate non è solo un luogo temporale o una stagione, ma an­che l’anima e il destino di ogni essere che sogna a mare aperto.

 

 Antonio Bux

Gino Giacomo Viti, classe 1996, vive a Genzano di Roma. Studia Filosofia presso l’Univer­sità degli Studi di Roma “La Sa­pienza”. Suoi testi sono apparsi su alcune riviste (fra le quali “Atelier”, “Poetarum Silva”,“La Foce e la Sorgente”). La pre­sente opera è stata selezionata fra le finaliste del “Premio Città di Como 2018”, nella Sezione Poesia Inedita.

Questo sito utilizza cookie. Continuando a navigare accetti implicitamente l'uso che facciamo dei cookie. Privacy Policy

 

© 2012 by MARCOSAYAEDIZIONI. All rights reserved.

Partita IVA 07705390966